cropped-CATOM-logo-web.png
Accedi
Cerca
Close this search box.

Confartigianato, allarme pensioni. Montis: “Anziani sardi esposti alle fluttuazioni dei prezzi”

Le pensioni perdono potere d’acquisto: è crisi per tanti pensionati sardi. Il caso della pasta aumentata del 38%

L’inflazione, il caro prezzi e l’aumento esponenziale delle bollette elettriche stanno umiliando gli anziani e i pensionati anche in Sardegna . Secondo una analisi effettuata dall’ Ufficio Studi di Confartigianato Sardegna , su dati di Federanziani, in media, i pensionati italiani percepiscono 13.753 euro all’anno, che equivalgono a circa 1.146 euro al mese; e sono circa 4 i milioni di over 65 che vivono soli: il 70% sono pensionati con meno di mille euro e il 17% con pensioni di appena 500 euro.

“L’inflazione e i rincari generalizzati fanno vacillare una delle colonne più robuste del welfare familiare: i pensionati la cui situazione è diventata insostenibile – Paola Montis, Presidente Regionale dell’ANAP Sardegna, l’Associazione dei Pensionati Artigiani di Confartigianato – loro, infatti, pur con redditi modesti, fino a qualche tempo fa riuscivano a dare un valido aiuto economico a figli e nipoti, che spesso non riescono ad arrivare a fine mese perché hanno perso il lavoro, sono in cassa integrazione o non trovano un’occupazione stabile”.

Secondo l’analisi, in media, un pensionato italiano utilizza il 19% della propria pensione (217 euro) per le spese alimentari, il 40% (458,4 euro) per l’abitazione e le utenze, il 9% (103,14 euro) per i trasporti e l’auto, il 7% (80 euro) per la salute. Il resto viene utilizzato un lungo elenco di voci che comprendono l’abbigliamento, le spese impreviste e l’aiuto ai familiari prossimi. E la situazione precipita se l’anziano non è autosufficiente: l’incidenza del costo dell’assistenza a domicilio, come le badanti, diventa deflagrante.

Considerando, poi, l’aumento dell’inflazione degli ultimi due anni, che è passata dal 2,2% nel 2021 all’11,8% nel 2022, i conti sono diventati insostenibili. Inoltre, circa il 37% dei pensionati ha eliminato l’acquisto di acqua in bottiglia e beve invece l’acqua del rubinetto di casa, il 26% ha smesso di acquistare integratori, il 63% ha ridotto il consumo di carne bianca o rossa a una volta alla settimana, sostituendola con lenticchie, ceci e fagioli. Ridotte anche le spese per cure mediche e farmaci mentre l’utilizzo dell’automobile è stato ridotto solo per le necessità essenziali. Tagliati anche i regali ai nipoti.

Ma è sui beni alimentari, in particolare la pasta, che si sta scaricando l’aumento dei prezzi; secondo gli ultimi dati Istat, da settembre dello scorso anno a oggi, il suo costo è aumentato del 38% (3 volte l’inflazione), e tra marzo e aprile di quest’anno del 17% (2 volte e mezzo l’inflazione), con i prezzi che sono cresciuti tra 1,10 euro a 1,40 euro al
chilo. “Sappiamo che tantissimi anziani pensionati sardi sono costretti a vivere con un assegno mensile che non raggiunge nemmeno i mille euro – continua Montis – significa condizione di povertà, anche secondo i parametri ufficiali. I conti sono oramai ingestibili e la loro situazione rischia di trasformarsi in una bomba sociale”.

“Significa, anche, banalmente che una fetta consistente della popolazione sarda anziana è estremamente esposta agli effetti devastanti del fluttuare, sempre al rialzo, dei prezzi – prosegue la Presidente – con la necessità di chiedere aiuto ai familiari o al sistema pubblico dell’assistenza per pagare le utenze, gli affitti o l’aiuto domestico indispensabile alla conduzione di una vita parzialmente autonoma”.

“In conclusione – termina Paola Montis – per noi è fondamentale che gli anziani non vedano eroso il proprio potere d’acquisto quindi l’adeguamento delle pensioni all’inflazione deve essere una priorità e su questo fronte non si possono più chiedere sacrifici ai pensionati, come successo troppo spesso negli anni passati”.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

La Cgia di Mestre calcola la "lunghezza" delle file in tutta Italia degli utenti davanti...
vigili del fuoco
Quartu, distrutti un furgone e tre auto. Indagini in corso....
Segnando la vincita più alta d'Italia con la combinazione 4-45-52....
E il miglioramento di Sant'Elia, promettendo sviluppo, dignità e inclusione per la comunità....
Una carriera politica di spicco e solidi studi ingegneristici segnano il cammino della prima governatrice...
Cagliari tomorrow