cropped-CATOM-logo-web.png
Accedi
Cerca
Close this search box.

Il patrimonio inestimabile del Giudicato d’Arborea: un viaggio tra i Castelli di Marmilla e Campidano

Un viaggio attraverso le fortificazioni medievali della Sardegna, testimoni di una storia ricca e affascinante.

L’antico Giudicato di Arborea, uno dei quattro regni sardi formatisi tra l’VIII e il IX secolo, ha lasciato un’impronta indelebile nella storia e nel paesaggio della Sardegna. Questo regno, che un tempo copriva quasi l’intera isola, ha eretto numerosi castelli per difendere e affermare il suo potere. Oggi, questi castelli, divenuti ruderi, sono testimoni silenziosi di un’epoca lontana.

Il Giudicato di Arborea raggiunse il suo apice nel XIV secolo, per poi cedere il suo territorio alla Corona d’Aragona nel 1420. Durante il suo periodo di massimo splendore, vennero costruiti ben 82 castelli in tutta la Sardegna. Queste fortificazioni, una volta abbandonate, sono diventate parte integrante del paesaggio sardo, ricordando a tutti la grandezza del passato.

Per preservare e valorizzare questo patrimonio storico, nel 2016 è nata La Rete Sarda dei Castelli. Questa rete comprende sei fortificazioni situate nel versante meridionale del regno, in località come Las Plassas, Sanluri e Sardara. Questi luoghi, protagonisti delle vicende medievali dell’isola, conservano ancora oggi storie di battaglie, miti, amori e figure leggendarie.

Tra i castelli più noti vi sono il Castello di Las Plassas, noto anche come Castello di Marmilla, il Castello di Monreale e il Castello di Sanluri. Il Castello di Las Plassas, costruito nel XII secolo, sorge su una collina che ha dato il nome al territorio circostante, la Marmilla. Il Castello di Monreale, situato in cima all’omonimo colle, è legato alle vicende giudicali, mentre il Castello di Sanluri, costruito nel 1355, è l’unico che è sopravvissuto intatto fino ai giorni nostri.

Ogni castello ha la sua storia unica e affascinante, ricca di battaglie, intrighi e leggende. Ad esempio, il Castello di Monreale fu un luogo di riposo e cure per la “corte” del Giudicato, grazie alla vicinanza con le antiche terme di Santa Maria Aquas. Il Castello di Sanluri, invece, fu teatro di una storica battaglia nel 1409 tra le truppe catalano-aragonesi e quelle arborensi.

Oggi, questi castelli non sono solo monumenti storici, ma anche luoghi di cultura e apprendimento. Il Castello di Las Plassas ospita un museo che espone reperti archeologici rinvenuti durante gli scavi, mentre il Castello di Sanluri è diviso in quattro musei che conservano cimeli e documenti delle due guerre mondiali, delle campagne d’Africa e del fascismo, oltre a una collezione di cere e una collezione di mobili, arredi, dipinti e sculture che spaziano dal Rinascimento al Risorgimento.

I Castelli del Giudicato d’Arborea in Marmilla e Campidano sono un tesoro storico e culturale di inestimabile valore. Essi rappresentano un legame tangibile con il passato e un patrimonio da preservare per le future generazioni.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Cagliari tomorrow