cropped-CATOM-logo-web.png
Accedi
Cerca
Close this search box.

PNRR e le sfide finanziarie della Sardegna: sindaci in allarme

Di fronte a possibili tagli di 500 milioni di euro, i sindaci sardi chiedono chiarezza e strategie per salvaguardare progetti e comunità locali.

Il recente aggiornamento del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) del Governo ha sollevato preoccupazioni tra i sindaci sardi. Molti di loro hanno fatto grandi sforzi per aderire ai bandi e ora temono che la regione possa perdere fino a 500 milioni di euro destinati a progetti in larga parte già in corso.

Anche se ci sono voci sul reindirizzamento di tali fondi verso altre fonti di finanziamento, non è chiaro come verrà gestito questo processo.
La posizione dei sindaci è chiara: i progetti finanziati dai Comuni devono proseguire e raggiungere la loro realizzazione. Daniela Falconi, sindaca di Fonni, ha sottolineato l’urgente necessità di chiarezza sul possibile trasferimento dei fondi al Fondo di coesione. Ha evidenziato che, senza un incremento di quest’ultimo, potrebbe significare la riduzione di fondi per altri progetti vitali.

Gli uffici dell’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) stanno conducendo un’analisi approfondita sul potenziale impatto finanziario per la Sardegna. Grazie alle informazioni rilasciate dal deputato Silvio Lai, sappiamo che l’Isola potrebbe subire un taglio di ben 499,5 milioni di euro.

Ma come verranno distribuiti questi tagli tra le province?

  • Provincia di Sassari: Una perdita significativa è prevista per Sassari, con 129 milioni di euro in meno;
  • Città metropolitana di Cagliari: Questa zona è destinata a subire il maggiore impatto, con una riduzione di 152 milioni di euro;
  • Sud Sardegna: Questa area potrebbe vedere una diminuzione di 89 milioni di euro;
  • Oristanese: Le perdite qui sono stimate intorno ai 62 milioni di euro;
  • Provincia di Nuoro: L’area di Nuoro non sarà risparmiata, con una potenziale riduzione di 65 milioni di euro.

 

Il Consiglio delle Autonomie Locali (CAL), guidato da Paola Secci, si è riunito per discutere l’attuale situazione. Al termine delle analisi, si prevede una riunione, organizzata da Emiliano Deiana e Alberto Urpi, con l’obiettivo di informare e prendere decisioni collettive per proteggere i comuni e tutti coloro che lavorano per il bene della comunità.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

lingua blu
Coldiretti ricorda i danni economici provocati dal 2000 in poi e invoca un piano immediato...
I distributori di carburante a Cagliari e in tutta la Sardegna segnalano cifre superiori a...
festa
Biglietteria, allestimenti tecnici, materiale grafico, tribune, organizzazione sanitaria: tutti gli avvisi scadono il 19 marzo...
Il Sulcis al centro di un ambizioso piano per l'energia rinnovabile...
spesa
Anche i marchi meno noti non offrono più quella convenienza una volta garantita...
Il progetto prevede la realizzazione di una struttura imponente, con 35.000 metri quadri di spazi...

Altre notizie

Cagliari tomorrow