cropped-CATOM-logo-web.png
Accedi
Cerca
Close this search box.

Rilancio del Trenino Verde: 47 Comuni della Sardegna uniscono le forze

Nasce la Fondazione per valorizzare il Patrimonio Ferroviario Storico dell'Isola

Il 5 dicembre 2023 a Sassari, 47 dei 58 Comuni interessati dal percorso del celebre Trenino Verde della Sardegna hanno ufficializzato la loro partecipazione alla neonata “Fondazione Trenino verde storico della Sardegna“. Questa iniziativa, sancita da una delibera della Giunta Regionale del 17 novembre 2023 e in linea con l’articolo 138 della legge regionale 9 del 23 ottobre 2023, vede la collaborazione della Regione Autonoma della Sardegna e dell’Arst.

Tra i Comuni fondatori figurano Sassari, Tempio Pausania, Bosa, Lanusei, Tortolì, Macomer, Laconi, Jerzu, Isili, Ilbono, Gairo, Flussio, Elini, Desulo, Chiaramonti, Calangianus, Bortigiadas, Belvì, Arzana, Aritzo, Aggius, Magomadas, Mandas, Martis, Meana Sardo, Modolo, Nulvi, Nurallao, Osilo, Osini, Perfugas, Ploaghe, Sadali, Sant’Antonio Di Gallura, Serri, Seui, Sorgono, Suni, Tinnura, Tonara, Tresnuraghes, Ulassai, Ussassai, Villagrande Strisaili, Girasole, Laerru, Luras. La firma dell’atto costitutivo avverrà nell’Aula Magna dell’Università di Sassari, alla presenza del notaio Andrea Porqueddu. La struttura della Fondazione prevede un Presidente, una Giunta esecutiva, un’Assemblea di Partecipazione e un Revisore dei Conti. La Fondazione apre le porte anche a partecipanti esterni, come enti, associazioni e privati, che pur non avendo diritto di voto, possono contribuire agli obiettivi dell’organizzazione.

Elso Rei, 51 anni, Commercialista di professione, è stato nominato Presidente della Fondazione dalla Giunta Regionale, su proposta dell’Assessore dei Trasporti, Antonio Moro.

L’evento di presentazione della Fondazione si terrà sempre il 5 dicembre a Sassari, con un convegno dal titolo “Il treno ad altra velocità”, che vedrà la partecipazione di figure di spicco come il Presidente della Regione, Christian Solinas, e l’Assessore Moro.
Inoltre, saranno presenti il Presidente dell’Anci, Emiliano Deiana, il Docente di Diritto della Navigazione e del Turismo dell’Università di Sassari, Giovanni Pruneddu e la Direttrice del mensile “Dove” (Rcs-Corriere della Sera), Simona Tedesco. Tra gli interventi ci saranno quelli del Rettore Gavino Mariotti, del Sindaco di Sassari Gian Vittorio Campus e di Pietro Fois, Commissario Straordinario della Provincia di Sassari, nonché del Presidente del Consiglio Regionale, Michele Pais.
Il Convegno sarà un’occasione per discutere il futuro del Trenino verde sotto vari aspetti, dalla gestione alla valorizzazione turistica e culturale.
L’Assessore Moro ha sottolineato l’importanza storica di questo passo per il Trenino verde, enfatizzando il ruolo attivo dei Comuni e dei territori nella promozione e nel recupero di questa infrastruttura ferroviaria storica. Questa nuova fase segna un punto di svolta per la più grande ferrovia storica d’Europa, promettendo una gestione più efficiente e un supporto finanziario adeguato per soddisfare le aspettative di tutti gli stakeholder coinvolti.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Carla Matta, residente a Oristano da alcuni anni dopo il matrimonio, era parte della Cooperativa...
Più di 12.000 donne sfidano la pioggia in una corsa di solidarietà...
elezioni regionali
Le complessità del sistema elettorale Italiano alla luce delle Regionali Sarde...
A proposito dei suoi prossimi impegni, Todde ha confermato che il 8 marzo sarà in...
La Cgia di Mestre calcola la "lunghezza" delle file in tutta Italia degli utenti davanti...
ugo masala funerali
Nella chiesa di San Paolo l'ultimo saluto al primo maresciallo luogotenente morto a seguito di...
Cagliari tomorrow